Materiali resistenti

2 marzo 2021 Nessun commento »

Oltre alla possibilità di iscriversi o rinnovare la tessera ANPI, mediante versamento della quota con bonifico bancario, sono disponibili alcuni preziosi documenti sull’antifascismo: in primo luogo il libro di Sergio Bugiardini, “La città e il colle”, opera indiscussa sulle vicende della Resistenza nell’ascolano, basata su fonti storiche dirette; “La banda di Colle San Marco”, grafich novel sui primi eroici avvenimenti della Resistenza ascolana, dagli scontri alle Casermette del settembre ‘43 alla battaglia di Colle San Marco del 3 ottobre dello stesso anno; il recentissimo DVD, curato dal nostro infaticabile e insostituibile Marco Morganti, sui fatti, i luoghi e le pietre che parlano di Resistenza nell’ascolano; il fazzoletto dell’ANPI, unico vero efficace antidoto contro il virus del “puzzone fascista”.FAEA68A5-86FA-4567-91EF-FB41EE2A99E2
Il libro di Bugiardini è acquistabile al pezzo di 20,00 euro (sconto del 50% sul prezzo di copertina); la graphic novel costa solo 10,00 euro; il DVD a 5 euro, il fazzoletto dell’ANPI sempre a 5 euro.

Per chi volesse, il versamento può essere effettuato tramite bonifico bancario: il nostro IBAN è il seguente: IT 61Q030 6913 5061 0000 0001 820 intestato a ANPI PROVINCIALE DI ASCOLI PICENO, dandone comunicazione tramite email all’indirizzo anpiascoli@gmail.com

Riceverete a casa quanto ordinato.

Al via il tesseramento 2021

18 febbraio 2021 Nessun commento »

TESSERAMENTO 2021
L’ANPI si riconosce nella Costituzione e ne condivide i valori ispiratori. La rispetta come la legge fondamentale del nostro paese e, come tale, i suoi articoli devono ispirare tutte le altre nostre leggi. I principi costituzionali vengono dal pensiero democratico europeo, dall’antifascismo, dalla Resistenza che li ha scritti con la lotta e il sacrificio dei suoi martiri. L’ANPI considera la Costituzione il fondamento di un moderno stato democratico sociale.
L’ANPI è per la pace tra i popoli e s’impegna insieme a partiti, sindacati, associazioni, amministrazioni locali, Parlamento e Governo affinché questo obiettivo venga raggiunto nel rispetto dell’articolo 11 della Costituzione.
L’ANPI è di tutti i democratici antifascisti. Nel corso degli anni i giovani vi hanno aderito in gran numero e oggi rappresentano la maggior parte degli iscritti. Anche lo statuto dell’ANPI è stato modificato in questo senso e chi non ha fatto la Resistenza per motivi di età, ma ne condivide gli ideali e i valori, può ricoprire ruoli di dirigenza.
GENERAZIONE DOPO GENERAZIONE GLI STESSI VALORI 67A87CC1-3A7C-4644-87AB-5A1DA24F1828
ISCRIVERSI ALL’ANPI è per non dimenticare che la Resistenza è alla base della vita democratica del nostro paese e perché quei principi e quei valori, sostenuti e affermati dalle partigiane e dai partigiani, non invecchiano mai e sono sempre da sostenere per vivere in uno stato democratico, civile e che si batte per la pace tra i popoli.
Iscriversi all’ANPI è scegliere di sostenere attivamente quei valori, alla cui difesa e affermazione si può dare un contributo fattivo di crescita e impegno ed è anche condivisione e scambio tra diverse generazioni ed esperienze di antifascisti, quindi è importante che l’iscrizione sia alla sede ANPI più vicina al luogo di residenza.
Nella nostra provincia, oltre alla sezione del capoluogo, in piazza Fausto Simonetti (Palazzo della Provincia), sono attive le sezioni di San Benedetto del Tronto, Offida, Acquasanta Terme e Comunanza.
Per chi volesse effettuare il versamento per associarsi o rinnovare la tessera tramite bonifico bancario il nostro IBAN è il seguente: IT 61Q030 6913 5061 0000 0001 820 intestato a ANPI PROVINCIALE DI ASCOLI PICENO, dandone comunicazione tramite email all’indirizzo anpiascoli@gmail.com . Provvederemo a spedirvi la tessera a casa.
Il contributo per la tessera è pari ad euro 15,00 (quota ordinaria), euro 20,00 (quota sostenitore), euro 10,00 (quota ridotta per studenti).
È anche disponibile un interessante documento sui fatti, i luoghi e le pietre che parlano della Resistenza nell’ascolano. Il DVD realizzato da Marco Morganti, è il frutto di un minuzioso lavoro di raccolta, di studio e di recupero della memoria partigiana.
Aspettiamo le vostre adesioni.

Il Presidente provinciale
Pietro Perini

Giornata del Ricordo: contro i mistificatori della storia e gli opportunisti della bassa politica

11 febbraio 2021 Nessun commento »

L’ANPI è affidataria della Memoria storica del sacrificio di donne e uomini che non hanno avuto paura di ribellarsi all’ oppressione nazi-fascista e, rischiando la loro stessa vita, hanno conquistato la libertà e la democrazia per il nostro Paese, condanna tutte le forme di violenza esecrabile compiuta dai regimi totalitari e liberticidi e difende incondizionatamente i valori universali quali la pace, il rispetto della vita umana e della sua dignità.D5AE42B0-9D92-4F57-BE71-6E900CA399EE
Per questa ragione non accetta che venga fatto un uso strumentale della verità storica da forze politiche, le quali giocando sulla contrapposizione ideologica raccontano eventi storici decontestualizzati e mistificati per colpire l’emotività, soprattutto delle giovani generazioni.
Il Giorno del Ricordo continua ad essere l’occasione dunque, non già per ricordare le vittime di un’inaccettabile persecuzione perpetrata da un regime totalitario e repressivo che ha fatto carne da macello di tutti coloro che vi si opponevano, bensì un’occasione per contrapporre uomini contro uomini in nome dell’orgoglio italiano e esaltare il fascismo come esempio di buon governo, magari in antitesi al regime comunista titino.
La Storia ricostruita in modo rigoroso ci dà conto della verità che, in quanto tale, non può confondere le vittime con i carnefici. Né può farsi sopravanzare dal solo racconto emozionale che non fornisce le coordinate giuste per capire lo svolgersi dei fatti, le responsabilità e le dinamiche sottese agli eventi stessi.
Non è moralmente corretto l’uso strumentale del racconto storico. La legge che istituisce il Giorno del Ricordo pone la conoscenza storica degli eventi accaduti come obiettivo fondamentale da perseguire nelle scuole, dunque, ai giovani studenti vanno forniti i presupposti per la pratica dell’indagine storica, allo scopo di conoscere e comprendere la verità in tutta la sua complessità e disporre di tutte le coordinate per poter elaborare un giudizio critico e autonomo.E393C656-6348-4479-BBB7-CE50BA2B2064
Al di là della ritualità commemorativa l’occasione data da una ricorrenza del calendario civile non deve servire per contrapporre crimini ad altri crimini in una logica di antagonismo ideologico. È immorale contrapporre vittime ad altre vittime per esacerbare l’orgoglio di essere italiani, tralasciando di menzionare le atrocità compiute proprio dagli Italiani in nome del fascismo. È disonesto raccontare pezzi di verità e ignorare le efferatezze, le violenze e le sopraffazioni perpetrate in quelle stesse terre da parte degli Italiani sulle popolazioni che quei luoghi avevano condiviso per secoli.
La memoria storica non può sostanziarsi solo di ricordi soggettivi, ma deve affondare le sue radici nella documentazione circostanziata e puntuale che, come tale, non tralascia e non deforma la reale entità degli accadimenti oggettivamente riscontrabili. Molti ricorderanno come alcuni anni fa, in un manifesto con il programma delle celebrazioni per il Giorno del Ricordo campeggiasse una foto toccante che ritraeva uomini e donne in cammino forzato con le loro poche masserizie e la disperazione nei volti: si trattava però di una foto di slavi in fuga dalle persecuzioni fasciste italiane.44042A4B-5491-43FB-9E90-5C3A31042BFA
L’ANPI condanna e ritiene inaccettabile l’uso irresponsabile e fazioso della Storia da parte di chi inneggia al fascismo e ai suoi metodi, disconoscendone la crudeltà e la violenza, lo squadrismo come strumento di persuasione che ha mietuto migliaia di vittime nel nostro Paese, nell’arco del lungo ventennio.
L’Anpi condanna altresì che le vittime innocenti della terribile vicenda umana e politica del confine orientale italiano nella seconda guerra mondiale vengano manipolate per fini di proselitismo ideologico.
La Giornata della Memoria e il Giorno del Ricordo, fuori da ogni retorica celebrativa e fuori da ogni opportunismo partitico devono costituire occasione di conoscenza del passato che apra ogni giorno le nostre coscienze all’abominio degli orrori compiuti nel Novecento perché essi non si ripetano.

Firmiamo contro il fascismo!

14 gennaio 2021 Nessun commento »

64B1A4AC-3142-41E5-823A-C56D8A9F6A66

Buon 2021!

21 dicembre 2020 Nessun commento »

2162EC21-F590-4665-BE5B-C0C115721DCA