Archivio per luglio 2020

Il 24 luglio, insieme al Movimento delle sardine per riaffermare il valore dell’antifascismo, rendendo omaggio ai Partigiani di Pozza e Umito.

19 luglio 2020

La giornata del 24 luglio prossimo si annuncia ricca di eventi nella nostra regione, grazie all’iniziativa, lanciata su scala nazionale dal Movimento delle sardine per rilanciare un forte invito alla partecipazione democratica in vista delle elezioni di fine settembre.
Le Marche appaiono, tra le regioni che vanno al voto, come la più penalizzata nella scelta del candidato del centro destra, che vedono schierato alla carica di governatore della regione un esponente di Fratelli d’Italia, che “a sua insaputa” fa parte di quel gruppo di esponenti di un partito erede di Almirante che la stampa locale segnalava tra gli invitati alla famosa cena del 28 ottobre 2019 ad Acquasanta Terme, per ricordare, con rimpianto e nostalgia, la Marcia su Roma del 1922 (quella che il duce del fascismo fece in un più comodo vagone letto).

Il menù della cena fascista

Il menù della cena fascista


Il giovane candidato, che nega di aver sbirciato il menù del cena, ove campeggiavano fasci littori, altari della patria e volitive mascelle di testone pelate, ha affermato di essere stato all’oscuro del tema della serata e di non aver preso posto ai tavoli, così come dichiarato anche dal sindaco di Ascoli, Fioravanti.
Resta il fatto che entrambi, consapevoli o meno di dove fossero e con chi si trovassero, erano presenti quella sera ad Acquasanta Terme.
Sul fatto è intervenuto recentemente anche Enrico Mentana, per ricordare che proprio all’indomani dell’8 settembre sua madre si nascondeva sui monti dell’ascolano per sfuggire ai tedeschi, in quanto ebrea e il giornalista ricorda l’aiuto fornito ai rifugiati dalla popolazione locale. Espressa condanna della deplorevole commemorazione fascista era stata subito manifestata da Tullio Pericoli, che nello scorso autunno esponeva le sue opere ad Ascoli.
La giornata marchigiana del Movimento delle sardine

La giornata marchigiana del Movimento delle sardine


Anche per rendere omaggio ai Partigiani caduti nel marzo del 1944 a Pozza e Umito, vittime di un proditorio attacco da parte delle truppe tedesche, guidate dai fascisti locali travestiti da soldati nazisti, il Movimento delle sardine farà tappa al cimitero partigiano di Pozza, per cancellare l’ennesimo oltraggio che i nipotini del fucilatore Almirante hanno rivolto alla memoria di quei combattenti italiani e slavi che combatterono per la libertà dell’Italia contro la barbarie nazifascista.
L’ANPI provinciale di Ascoli Piceno e la locale sezione di Acquasanta Terme saranno presenti con le loro bandiere.