Archivio per ‘Iniziative’ categoria

3 ottobre 1943 – 3 ottobre 2021. Non dimentichiamo!

17 settembre 2021

68920465-BABE-4928-9647-2A64E52AF125

Pastasciutta antifascista

19 luglio 2021

Il 25 luglio del 1943, a seguito della riunione del Gran Consiglio del Fascismo, Mussolini viene destituito e arrestato. Dopo 21 anni terminava il governo del Partito Fascista. Il Re designò il Maresciallo dell’esercito Pietro Badoglio come nuovo capo del governo.
Nonostante la caduta del Fascismo, la guerra continuava a fianco dei tedeschi: nei giorni successivi l’arresto vi furono numerose sollevazioni popolari; il 28 luglio, a Reggio Emilia, i soldati spararono contro gli operai delle Officine Reggiane facendo 9 morti.
I Cervi non vennero immediatamente a conoscenza della notizia della caduta di Mussolini perché impegnati nei campi, ma fu sulla via del ritorno a casa che incontrarono numerose persone in festa.
Sebbene sapessero che la guerra non era davvero terminata, decisero di festeggiare comunque l’evento, un momento di pace dopo 21 anni di dittatura fascista. Si procurarono la farina, presero a credito burro e formaggio dal caseificio e prepararono chili e chili di pasta.
Una volta che questa fu pronta, caricarono il carro e la portarono in piazza a Campegine pronti a distribuirla alla gente del paese. Fu una festa in piena regola, un giorno di gioia in mezzo alle preoccupazioni per la guerra ancora in corso: anche un ragazzo con indosso una camicia nera (forse era l’ultima rimasta?) fu invitato da Aldo a unirsi e a mangiare il suo piatto di pasta.
D3618106-B0A5-4592-AB1F-88CE6A5DCA0F

18 giugno, picchetto d’onore ai Partigiani piceni

19 giugno 2021

5A4DFAB8-2E62-452A-8AAB-BDC9C8EF537A

Donghi e Di Cola, vittime innocenti della barbarie nazista

18 giugno 2021

Il 15 giugno 1944 Giuseppe Donghi era intento al suo lavoro di guardia canale mentre altri civili erano occupati a recuperare della merce rovesciatasi da un furgoncino sulla via Salaria. Passò un sidecar con due tedeschi e, forse pensando si trattasse di partigiani – ma in effetti non lo erano – fermò con le armi spianate quattro di quelle persone tra cui il Donghi e il Di Cola. Dopo aver percorso sulla Salaria diverse centinaia di metri, senza motivo, scaricarono su di loro raffiche di mitra. Due degli sfortunati si salvarono buttandosi a capofitto verso il fiume, Donghi – che era alto e grosso – fu colpito al petto e morì immediatamente. Di Cola invece ferito gravemente, forse alle gambe e all’addome fu sentito gridare di dolore per diverso tempo. Ma nessuno ebbe il coraggio di avvicinarsi, finché non morì anche lui. Questa era la logica dei nazisti in ritirata scomposta verso la Germania: uccidere anche senza alcun motivo.

Per commemorare questa ennesima strage di vittime innocenti, anche quest’anno l’Anpi ha reso onore ai caduti di Favalanciata presso il cippo che li ricorda.
Alla cerimonia erano presenti le rappresentanze del Comuni di Acquasanta Terme e di Arquata del Tronto, con i rispettivi gonfaloni.

423855D8-2ECA-4F15-BD0F-B9BC17ED5ED4

18 giugno 1944 – 18 giugno 2021, insieme all’Anpi un vasto fronte antifascista celebra la Liberazione della Città nel ricordo del sacrificio dei Patrioti piceni.

16 giugno 2021

373D429F-8678-4A2F-A7F0-706AB3F77E15