Archivio per ‘Interventi’ categoria

I MARTIRI DI MASSIGNANO

21 giugno 2017

IMG_3837rIMG_3816r IMG_3827r IMG_3833r IMG_3855rA Marina di Massignano avvenne il 18 giugno del 1944 una rappresaglia nazista con l’uccisione di dodici inermi contadini solo perché un soldato tedesco era stato ferito da un colpo di fucile sparato da ignoti. Questo episodio che superò persino la ferrea, illegale e inumana legge del Reich che prevedeva la proporzione di uno a dieci tra i morti tedeschi e italiani. Infatti il soldato tedesco non era morto e non essendoci bande partigiane nella zona non si poteva neppure sostenere, come spesso accadeva, che la popolazione locale avesse appoggiato e protetto i partigiani. Anzi non è stato neppure appurato che il ferimento fosse stato operato da un partigiano. Ma al capitano Potente, tedesco con nome italiano, TUTTO QUESTO NON IMPORTAVA, ha solo dato sfogo alla sua ferocia. Lo stesso giorno dopo 73 anni si sono riuniti i sindaci di Massignano, di Cupramarittima, di Montefiore e Cossignano insieme ai dirigenti dell’ANPI sezionale e provinciale e a molta gente, per ricordare e per confermare che tale violenza non avvenga più. Una mesa al campo è stata celebrata in suffragio.

ECCIDIO DI CASTIGNANO

16 giugno 2017

IMG_8860 IMG_8859 IMG_8858 IMG_8857 IMG_8856 IMG_8855A Castignano bivio Capradosso c’è un grande albero : una quercia con un fusto di quasi 4 metri di
circonferenza ed una chioma di 20 metri di diametro da sempre chiamato l’albero dei Villa.
Era un albero dove la famiglia appoggiava le fascine di legna da ardere per l’inverno ma il 16 giugno del 1944 alla sua base vennero fucilati dai nazifascisti in ritirata Emidio Lucidi, Luigi Cicconi, Giuseppe e Domenico Villa. Fu una rappresaglia per l’uccisione di un soldato tedesco, ma per fortuna il comandante del reparto tedesco non applicò alla lettera la legge del Reich che prevedeva l’uccisione di 10 italiani per ogni tedesco.
Oggi si è svolta la commemorazione di quel tragico episodio, alla presenza del sindaco Fabio Polini, del vicepresidente provinciale ANPI Giuseppe Parlamenti, dell’Avv. OLIVIERI che ha recentemente vinto la causa di risarcimento contro la Germania per gli eccidi, di una folta schiera di cittadini e di don Gabriele Silvestri che ha benedetto il cippo. Don Gabriele, in tenera età è stato testimone oculare dell’eccidio.

COMMEMORAZIONE FAMIGLIA GABRIELLI

15 giugno 2017
COMMEMORAZIONE GABRIELLI OFFIDA

COMMEMORAZIONE GABRIELLI OFFIDA

COMMEMORAZIONE GABRIELLI OFFIDA

COMMEMORAZIONE GABRIELLI OFFIDA

Ieri 14 Giugno abbiamo ricordato ad Offida il sacrificio della famiglia Gabrielli, trucidati dai tedeschi per il possesso di una bomba a mano.

COMMEMORATI a SBT NEUTRO e SALVATORE SPINOZZI e ELIO FILENI Brig. CC

12 giugno 2017

IMG_3718R IMG_3720R IMG_3725RIMG_3739R

In località Ponterotto , sulla strada per Acquaviva Picena, soldati tedeschi uccisero i cugini Neutro e Salvatore Spinozzi insieme al brigadiere dei Carabinieri Elio Fileni. Sono stati commemorati oggi con l’omaggio di una corona d’alloro, con la presenza del Gonfalone Comunale scortato dai vigili, dal consigliere comunale Carmine Chiodi, delegato del sindaco, del Presidente della sezione ANPI di San Benedetto prof. Antonio Bruni, del vicepresidente provinciale ANPI Giuseppe Parlamenti – in rappresentanza del Presidente Perini – di Annelisa Nebbia figlia del famoso Comandante, di numerosi antifascisti e del Presidente regionale dell’Associazione Carabinieri in Congedo. Dopo gli onori ai caduti, il prof. Bruni ha rievocato brevemente la tragica sequenza dei fatti.

COMMEMORAZIONE PARTIGIANI MASSACRATI IL 6 GIUGNO 1944

6 giugno 2017

WP_20170606_10_01_10_ProWP_20170606_09_59_47_ProWP_20170606_09_22_15_ProWP_20170606_09_20_41_Pro
WP_20170606_09_17_08_Pro

Una delegazione dell’A.N.P.I. provinciale e comunale composta da William Scalabroni, Pietro Perini, Giuseppe Parlamenti, Marco Morganti, Adele Biondi e Aureliana Ciotti, si è recata a rendere omaggio e a deporre una corona d’alloro presso i cippi che ricordano il sacrificio di Francesco Ciotti sulla strada di Venagrande e di Fausto Simonetti, Jacob Eliczer e Ottavio Baccari sulla strada della Bonifica di fronte allo stabilimento ICO. In occasione dell’anniversario della morte del partigiano Francesco Ciotti, pubblichiamo l’articolo contenente la sentenza di condanna dei suoi assassini, tratto dall’archivio di Alfredo Parlamenti Senior.

1946-12-14_processo e sentenza ai fascisti

FESTA della REPUBBLICA

2 giugno 2017

File 02-06-17, 16 58 46 File 02-06-17, 16 58 29 File 02-06-17, 16 58 07

La festa del 2 Giugno si è svolta in una bella giornata di sole, con la presenza di molti cittadini, parecchi sindaci della provincia, di una folta rappresentanza dell’ANPI , delle associazioni d’arma, e delle autorità civili e militari.

Foto di Pietro Cordoni

L’addio a UGO DE SANTIS

24 maggio 2017

L’addio dell’ANPI Provinciale e Comunale al Partigiano UGO DE SANTIS: Sindaco di Ascoli Piceno e Presidente provinciale dell’ANPI nel 1992-1993.

2017-05-24_De_Santis Ugo De Santis

CELEBRAZIONE DEL 25 APRILE 2017 A SAN MARCO e A PESCARA DEL TRONTO

26 aprile 2017

Si sono svolte nella giornata di ieri molte manifestazioni nella nostra provincia per la FESTA DELLA LIBERAZIONE: A san Benedetto del Tronto, ad Acquasanta Terme ed in altre località. Su tutte vorremmo ricordare la cerimonia svoltasi a SAN MARCO con il discorso di PIETRO PERINI presidente Provinciale che riportiamo integralmente:

Buon giorno, a nome dell’ANPI di Ascoli Piceno porgo il benvenuto a tutti i presenti, alle autorità civili, militari, religiose e a tutte le associazioni combattentistiche.

Buon onomastico a tutti i Marco presenti e Buon compleanno a tutti. Oggi è il compleanno di tutte le italiane e di tutti gli italiani, oggi celebriamo la nostra Libertà e la celebriamo su questo Colle dove i nostri Partigiani sacrificarono la loro vita per la conquista di questo bene prezioso. Il 25 Aprile del 1945 fu un’ondata incontenibile di gioia; Hitler si sarebbe suicidato cinque giorni più tardi, Mussolini sarebbe stato giustiziato dai Partigiani tre giorni dopo mentre cercava vigliaccamente di scappare, Berlino sarebbe caduta il 2 Maggio, ma tutti gli italiani, quel 25 aprile sapevano che la guerra era finita, il nazifascismo era stato sconfitto: la Resistenza aveva vinto!

Chi aveva dato la propria vita lo aveva fatto inseguendo un sogno, quello di vedere la propria Patria libera dalla dittatura fascista rinascere in una Repubblica democratica, quel 25 aprile tutti gli italiani erano convinti che quel sogno si stesse realizzando. Ma è andata veramente così?

Quest’anno il 25 Aprile assume un significato molto particolare.

Oggi a 72 anni dì distanza, stiamo correndo il rischio di rimettere tutto in discussione. Chi pensava che la nostra Libertà fosse un bene acquisito per sempre si sbagliava. Non bastavano mafia, camorra, ndrangheta, corruzione, attentati alla nostra Costituzione, povertà, fame, mancanza di lavoro, rigurgiti nazifascisti, ora siamo tornati a sentire la parola guerra, guerra totale addirittura, il nostro mondo è di nuovo in pericolo, gli insegnamenti della nostra storia sembra non siano serviti, a distanza di 72 anni tornano alla ribalta personaggi che pensano di essere i padroni del pianeta e poco importa se si chiamano Stati Uniti d’America, Russia, Turchia, Corea o Isis, il loro comun denominatore è la guerra, la guerra come unica soluzione dei problemi. Ma, al contrario, questo Pianeta, questa nostra Terra non è loro, essa appartiene a tutti gli esseri che la abitano e che hanno capito che per viverci tutti insieme l’unica maniera è quella di farlo pacificamente e democraticamente. Una scelta diversa da questa significherebbe imboccare, senza possibilità di tornare indietro, lo sciagurato sentiero che ci porterebbe inevitabilmente verso l’autodistruzione. Non è fantascienza, magari lo fosse, è tutta realtà e noi tutti oggi stiamo festeggiando una Libertà che già domani potremmo avere perso. Usiamo dire che la bugia ha le gambe corte, ma la nostra memoria non è da meno se già ci siamo dimenticati degli orrori che questo nostro mondo ha dovuto sopportare, a cominciare dall’Olocausto per finire con Hiroshima. Tendiamo a tornare con i piedi per terra solo quando delle immani sciagure ci coinvolgono direttamente, solo allora torna a farsi vivo il nostro senso di fratellanza, la nostra voglia di pace, di tranquillità e di serenità. Ma anche questi nobili sentimenti piano piano cominciano a scemare e, immancabilmente, ci facciamo risucchiare dalla freneticità di questo mondo che noi stessi abbiamo voluto così. È accaduto con la guerra ed è accaduto con il terremoto.

Ve lo avevo detto, questo di oggi è un 25 Aprile molto particolare.

L’ANPI, al termine di questa cerimonia si recherà ad Arquata del Tronto per stare vicina anche a quei morti, perché se il 25 Aprile rappresenta la rinascita della nostra Italia, vorremmo tanto che rappresenti anche la rinascita di questi nostri luoghi devastati da un terremoto di inaudita violenza, perché c’è più di qualche cosa che ci lega a quei posti, a quella gente, è una sorta di cordone ombelicale che non potrà mai essere reciso: è la Montagna.

La Resistenza dei nostri Partigiani si è sviluppata in quelle valli, da Acquasanta fino a Montemonaco, se si sono salvati, se alla fine hanno vinto lo devono anche alla gente di quelle montagne che li nascosero e sfamarono mettendo a rischio la  propria vita e quella delle loro famiglie. Gli abitanti di quelle valli erano gente di montagna, come lo sono oggi i loro eredi; la gente di montagna è gente buona, abituata a spaccarsi la schiena, ad aiutarsi e ad aiutare, abituata a non chiedere di essere aiutata perché abituata a risolvere anche le situazioni più precarie con le proprie forze. Ma quì siamo di fronte a qualcosa di maledettamente più grande di noi, siamo di fronte ad una tragedia che potrebbe annientare la loro storia, i sacrifici di una vita e allora questa volta l’aiuto verso questa gente deve partire spontaneo, da tutti noi, da tutte le nostre Istituzioni e tutti dobbiamo impegnarci per dare loro tutto l’aiuto possibile e per non deludere le loro speranze, riposte verso una società che si comporti, una volta tanto, proprio come loro, come gente di montagna.

Un impegno teso a garantire che, anche in questa occasione si faccia in modo che i valori della nostra Costituzione, che quest’anno compie 70 anni, vengano finalmente messi in pratica anche in questi luoghi straordinariamente belli e selvaggi del nostro territorio; se non tenessimo ben presente questo aspetto fondamentale, verremo meno al dovere della memoria ma anche ad un dovere di civismo per ciò che riguarda il presente ed il futuro di chi su quelle montagne, come quella gente, ci vive e giustamente pretende che vengano praticati e rispettati valori costituzionali come il lavoro, la casa, la salvaguardia del territorio, la salute.

La strada giusta è già tracciata, basta guardarsi indietro.

In quel 1943 il nemico era uno, era grande, potente, sembrava addirittura invincibile, si chiamava nazifascismo, i nostri Partigiani dimenticarono di essere comunisti, democristiani, monarchici, qualcuno dimenticò persino di essere stato un fascista, e si ricordarono, tutti insieme di essere semplicemente Italiani. Siamo ancora tutti Italiani e su molti di noi si è abbattuta una nuova immane tragedia. Impegniamoci tutti insieme, ancora una volta in questa nuova Resistenza.

Viva la Libertà

Dopo la cerimonia di SAN MARCO una delegazione dell’ANPI si è recata a Pescara del Tronto per rendere omaggio sia ai caduti per la RESISTENZA, che ai morti provocati dai terremoti del 2016, alla presenza del vicesindaco MICHELE FRANCHI

25_APRILE_SAN_MARCO  25_APRILE_SAN_MARCO_125_APRILE_PESCARA

25 aprile

17 aprile 2016

image

Anpi memoria storica del 900

14 novembre 2015

ANPI A SCUOLA MEMORIA ATTIVA DEL NOVECENTO

L’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia è custode istituzionale della memoria dei protagonisti e dei fatti militari e civili che portarono l’Italia fuori dalla sanguinosa dittatura, nella democrazia sancita dalla Costituzione Repubblicana.

Nel corso dei decenni l’ANPI ha vigilato sui valori dell’Antifascismo e della Resistenza narrando, attraverso il ricordo dei protagonisti, quella stagione di slanci ideali, di eroismi, di stragi orrende, in cui uomini e donne in tutto il Paese sacrificarono se stessi per la conquista della pace e della libertà . Il compito di custodire la memoria si realizza attraverso le azioni concrete che favoriscono soprattutto tra le giovani generazioni la conoscenza oggettiva dei fatti e degli eventi.

image

L’ANPI insieme con l’ ISML Istituto per la Storia del Movimento di Liberazione sono gli affidatari della memoria storica del Novecento ed è per questo che grazie a specifiche convenzioni con il MIUR, il Ministero dell’Istruzione, svolgono attività nelle scuole di ogni ordine e grado, finalizzate alla diffusione della conoscenza storica. Da diversi anni ANPI e ISML progettano articolati percorsi didattici in collaborazione, realizzando progetti di approfondimento e di ricerca volti a motivare ed accrescere l’interesse dei giovani per la Storia. L’incontro con il passato attraverso il racconto di chi ha vissuto l’esperienza della dittatura e della Resistenza, attraverso approfondimenti con gli storici, attività didattiche, viaggi e visite guidate sui luoghi della memoria contribuisce, ad avvicinare migliaia gli studenti ascolani alla Storia del nostro territorio e del nostro Paese.

Guardare alla conoscenza storica con fiducia è stabilire un rapporto critico e consapevole con il passato, liberi da stereotipi e da false verità veicolate strumentalmente che possono offuscare l’orizzonte e generano orrori come negazionismo e pericolose mitizzazioni.image

La conoscenza è fondamentale per alimentare un rapporto dinamico con il passato, perché il patrimonio di principi e valori scaturiti dalla lotta di Liberazione sia realmente condiviso e intorno ad esso si possa costruire il patto etico che tiene unita una comunità.

L’ANPI è tra i soggetti istituzionali chiamati a dare il proprio contributo per dar corpo ad un autentico patto intergenerazionale.

La campagna congressuale dell’ANPI, appena iniziata, ha lo scopo di avvicinare sempre più giovani e antifascisti all’Associazione per irrobustire ed allargare le azioni da svolgere a sostegno della democrazia partecipata, nella costruzione di iniziative condivise, nella diffusione della verità storica, nel dialogo dialettico e nello scambio di opinioni.

Conoscere il passato dà senso alle ragioni del presente per progettare un futuro in cui sentirsi la responsabilità e il diritto di svolgere il ruolo attivo di cittadini.foto (2)

Domenica 29 novembre, per la giornata nazionale del Tesseramento nelle piazze principali dei comuni piceni l’ANPI incontra la cittadinanza.

Per l’occasione la sede provinciale di Ascoli in Corso Mazzini, 39 sarà aperta dalle ore 10.00 alle ore 13.00.

Ascoli Piceno, 13 novembre 2015 ANPI Sezione Provinciale di Ascoli Piceno