Archivio per giugno 2017

I MARTIRI DI MASSIGNANO

21 giugno 2017

IMG_3837rIMG_3816r IMG_3827r IMG_3833r IMG_3855rA Marina di Massignano avvenne il 18 giugno del 1944 una rappresaglia nazista con l’uccisione di dodici inermi contadini solo perché un soldato tedesco era stato ferito da un colpo di fucile sparato da ignoti. Questo episodio che superò persino la ferrea, illegale e inumana legge del Reich che prevedeva la proporzione di uno a dieci tra i morti tedeschi e italiani. Infatti il soldato tedesco non era morto e non essendoci bande partigiane nella zona non si poteva neppure sostenere, come spesso accadeva, che la popolazione locale avesse appoggiato e protetto i partigiani. Anzi non è stato neppure appurato che il ferimento fosse stato operato da un partigiano. Ma al capitano Potente, tedesco con nome italiano, TUTTO QUESTO NON IMPORTAVA, ha solo dato sfogo alla sua ferocia. Lo stesso giorno dopo 73 anni si sono riuniti i sindaci di Massignano, di Cupramarittima, di Montefiore e Cossignano insieme ai dirigenti dell’ANPI sezionale e provinciale e a molta gente, per ricordare e per confermare che tale violenza non avvenga più. Una mesa al campo è stata celebrata in suffragio.

ECCIDIO DI CASTIGNANO

16 giugno 2017

IMG_8860 IMG_8859 IMG_8858 IMG_8857 IMG_8856 IMG_8855A Castignano bivio Capradosso c’è un grande albero : una quercia con un fusto di quasi 4 metri di
circonferenza ed una chioma di 20 metri di diametro da sempre chiamato l’albero dei Villa.
Era un albero dove la famiglia appoggiava le fascine di legna da ardere per l’inverno ma il 16 giugno del 1944 alla sua base vennero fucilati dai nazifascisti in ritirata Emidio Lucidi, Luigi Cicconi, Giuseppe e Domenico Villa. Fu una rappresaglia per l’uccisione di un soldato tedesco, ma per fortuna il comandante del reparto tedesco non applicò alla lettera la legge del Reich che prevedeva l’uccisione di 10 italiani per ogni tedesco.
Oggi si è svolta la commemorazione di quel tragico episodio, alla presenza del sindaco Fabio Polini, del vicepresidente provinciale ANPI Giuseppe Parlamenti, dell’Avv. OLIVIERI che ha recentemente vinto la causa di risarcimento contro la Germania per gli eccidi, di una folta schiera di cittadini e di don Gabriele Silvestri che ha benedetto il cippo. Don Gabriele, in tenera età è stato testimone oculare dell’eccidio.

FESTA ALLA CACIARA

15 giugno 2017

DOMENICA 2 LUGLIO TUTTI I RESISTENTI

ALLA CACIARA DEL GIAMMATURA!

IMG_0344

COMMEMORAZIONE UCCISIONE DONGHI E DI COLA

15 giugno 2017

IMG_3754R

COMMEMORAZIONE DONGHI e DI COLA

COMMEMORAZIONE DONGHI e DI COLA

COMMEMORAZIONE DONGHI e DI COLA

COMMEMORAZIONE DONGHI e DI COLA

Oggi 15 giugno 2017, a Favalanciata di Acquasanta Terme con la presenza del Gonfalone comunale di Arquata del Tronto scortato dal Sindaco Aleandro Petrucci e dal suo vice Michele Franchi, del Gonfalone di Acquasanta Terme scortato dall’Assessore Alessandro Cortellesi, abbiamo ricordato il sacrificio di Giuseppe Donghi e Fedele Di Cola.

LA STORIA

Il 15 giugno 1944 lungo la Salaria si era rovesciato un camioncino con diversa merce. Alcune persone erano scese sul greto del fiume per vedere cosa si poteva recuperare… in tempo di estrema indigenza…. Giuseppe Donghi invece era intento al suo lavoro di guardia canale con tutto l’armamentario di stivaloni in gomma. Passò un sidecar con due tedeschi e, forse pensando si trattasse di partigiani – ma in effetti non lo erano – fermò con le armi spianate quattro di quelle persone tra cui il Donghi e il Di Cola. Dopo aver percorso sulla Salaria diverse centinaia di metri, senza motivo, scaricarono su di loro raffiche di mitra. Due degli sfortunati si salvarono buttandosi a capofitto verso il fiume, Donghi – che era alto e grosso –   fu colpito al petto e morì immediatamente. Di Cola invece ferito gravemente, forse alle gambe e all’addome fu sentito gridare di dolore per diverso tempo. Ma nessuno ebbe il coraggio di avvicinarsi, finché non morì anche lui. Questa era la logica o meglio la illogica dei nazisti ormai in ritirata scomposta verso la Germania: uccidere anche senza alcun motivo.

COMMEMORAZIONE FAMIGLIA GABRIELLI

15 giugno 2017
COMMEMORAZIONE GABRIELLI OFFIDA

COMMEMORAZIONE GABRIELLI OFFIDA

COMMEMORAZIONE GABRIELLI OFFIDA

COMMEMORAZIONE GABRIELLI OFFIDA

Ieri 14 Giugno abbiamo ricordato ad Offida il sacrificio della famiglia Gabrielli, trucidati dai tedeschi per il possesso di una bomba a mano.