Archivio per ‘Iniziative’ categoria

Tofe di Montemonaco: l’intervento della vice presidente provinciale Anpi di Ascoli Piceno, Stefania Cespi, alla celebrazione del 18 marzo

21 marzo 2019

Noi siamo oggi qui a Montemonaco, ci siamo liberati dai nostri impegni per loro.

Per quei giovani delle nostre montagne che il 18 marzo del 1944 morirono combattendo sulle rocce di Tofe, fucilati sul ciglio della strada e davanti al Municipio .image

A questo proposito, ricordo un racconto di un anziano di Comunanza: “I Partigiani di stanza a S. Giorgio , in partenza per Tofe per unirsi con gli altri, ci chiesero di andare con loro, ma noi tornammo indietro, ci sentimmo codardi, ma così fu. Uscimmo dal rifugio e passando davanti ad uno di loro io dissi: “nu non ve sime mai viste “, “questo è già qualcosa” rispose il Partigiano.image

Oggi siamo qui per loro, per quelli che partirono , e non per quelli che tornarono a casa.

Oggi, di giovani che tornano a casa ce ne sono molti, troppi. Catturati dal nulla e dalle sirene della destra. E per questo dobbiamo essere più che mai forti e decisi. La Democrazia non è data per scontata.

Oggi qui, i giovani non ci sono . Non ci sono le scolaresche che tutti gli anni si univano a noi. Secondo i docenti “avevano da fare tante altre cose” . Voglio sperare che il tempo che risparmieranno non partecipando a questa commemorazione, gli stessi docenti lo utilizzino per insegnare ai ragazzi che per meglio vivere il presente si deve necessariamente apprendere il passato.

Allora, noi qui, con la nostra convinta presenza, dobbiamo continuare a costruire un argine alla palude xenofoba e razzista e allo stesso tempo, demolire i muri dell’indifferenza.image

A questo proposito vorrei citare il Presidente Onorario dell’ANPI Carlo Smuraglia:

“Nostro compito è respingere l’indifferenza, la rassegnazione, la “distrazione”, in nome di quei giovani che a partire dal 1943 ebbero il grande coraggio di riprendere in mano il loro destino e il loro futuro”.

E conclude: E’ SEMPRE TEMPO DI RESISTENZA!

Franca Maria Matricardi, la storia straordinaria di un’ingegnera partigiana

6 marzo 2019

Intiltolazione dello spazio urbano a Franca Maria Matricardi.

Dopo quella fatta alle Partigiane Picene nel 2014, la toponomastica cittadina si arricchisce di un altro importante elemento di testimonianza femminile della storia più grande della nostra città.(
Venerdì 8 marzo verrà intitolato a Franca Maria Matricardi lo spazio antistante il Polo Culturale S. Agostino. A partire dalle ore 17.30 si svolgerà la cerimonia di scoprimento della targa e un seminario di presentazione della illustre concittadina a cui prenderanno parte i familiari e la studiosa che ha ricostruito la biografia. La cittadinanza è invitata. Saranno graditi i ricordi di chi l’ha conosciuta. image
Franca Maria Matricardi nata e morta in Ascoli Piceno (1914-1996), ebbe un ruolo molto rilevante nella industria editoriale milanese dagli anni 40 alle soglie del nuovo millennio.
Straordinarie le doti dell’ingegnera ascolana ( donna assolutamente fuori dagli stereotipi del suo tempo per scelte intellettuali, ideali e professionali), che seppe dare la sua impronta di manager innovativa in case editrici quali la Domus di Gianni Mazzocchi e la Rizzoli.
Dimenticata o sconosciuta alla sua città, con la preziosa disponibilità dei familiari che hanno permesso la consultazione dell’archivio privato, è stato possibile ricostruirne il profilo poliedrico e ora finalmente, con l’intitolazione di un prestigioso spazio urbano, sarà consegnata per sempre ai posteri.
Grazie alla collaborazione di diverse associazioni (ANPI e ISML di Ascoli Piceno, ASC Senigallia, Fidapa Ascoli Piceno, CPO Regionale e Provinciale) e alla sensibilità dell’ Amministrazione Comunale ascolana, l’evento è finalmente reso possibile.image

Percorsi di Resistenza, pagine di Storia e di Memoria sulle montagne del Piceno

3 marzo 2019

image

Venerdì 15 febbraio VOLO DI PAGLIA alla libreria Rinascita

12 febbraio 2019

Vita quotidiana al tempo dell’abisso:
•••
incontro con Laura Fusconi
moderano Rita Forlini e Mara Piconi
presentazione del libro VOLO DI PAGLIA

Raccontare la grande storia attraverso le vite delle persone normali
Un percorso iodi appuntamenti che possa essere un cammino di avvicinamento alla grande celebrazione del 25 aprile, anniversario del ritorno della libertà nel nostro paese.
in un ciclo di tre incontri dove attraverso il romanzo si andranno a ripercorrere le ore più buie della storia dell’Europa, per non dimenticare e per riflettere.

Agosto 1942. Sono mesi che Tommaso attende il giorno della grande festa organizzata in paese per ammirare insieme a Camillo i prestigiatori, il mangiafuoco e le bancarelle di giocattoli nuovi. Ai due amici si unisce Lia, la bambina più bella della classe, con cui Camillo trascorre le giornate tuffandosi tra le balle di fieno e rincorrendosi per i campi. Ma Lia è la figlia di Gerardo Draghi, il ras fascista che con il suo manipolo di camicie nere spadroneggia nella zona e che esercita il suo fare prepotente anche tra le mura della Valle, la casa padronale della famiglia Draghi. La stessa in cui, cinquant’anni dopo, altri due bambini, Luca e Lidia, giocheranno tra le stanze ormai in rovina, confrontandosi con i mostri della loro fantasia e i fantasmi che ancora abitano quei luoghi. Sullo sfondo di una campagna piacentina dalle tinte delicate e dai contorni arcaici, si intrecciano le storie di un passato dimenticato e di un presente a cui spetta il compito di esorcizzarne la violenza.
In Volo di paglia, Laura Fusconi dà prova di uno stile dai toni lirici e al tempo stesso giocosi, come lo sono i bambini protagonisti, su cui incombono le ombre del mondo degli adulti e dei loro segreti. Un potente romanzo d’esordio in cui l’attenzione all’infanzia e al suo immaginario si traduce in una scrittura di grande sensibilità e precisione.
image
Laura Fusconi
È nata a Castel San Giovanni (Piacenza) nel 1990. Dopo la laurea in Graphic Design&Art Direction, si è diplomata presso la Scuola Holden. I suoi racconti sono usciti su «retabloid», «effe – Periodico di Altre Narratività», «Verde rivista», «Achab» e «Horizonte». Volo di paglia è il suo primo romanzo.

Venerdì 15 Febbraio 2019 ore 18,00
Sala Conferenze • Libreria RINASCITA

Per il giorno della Memoria un nuovo appuntamento con la storia

17 gennaio 2019

Giovedì 24 Gennaio 2019, presso la Sala Conferenze della Libreria Rinascita in Piazza Roma 7 ad Ascoli Piceno, sarà presentato il libro:

“CRIMINALI DEL CAMPO DI CONCENTRAMENTO DI BOLZANO”

Sarà presente l’autore Costantino Di Sante, Direttore scientifico dell’ISML.
Interverrà Antonino Intelisano, Procuratore generale militare emerito presso la Corte di Cassazione.

Sarà ospite dell’iniziativa anche lo scrittore Fabrizio Altieri, che si è occupato di Shoa con il suo libro per ragazzi – e non solo “L’uomo del treno”.
L’autore incontrerà gli studenti presso l’ISC Falcone e Borsellino di Appignano del Tronto dalle ore 10 del 25 gennaio

DISANTE