18 novembre, giornata del tesseramento ANPI

6 novembre 2012 di admin Lascia un commento »

ASSOCIAZIONE  NAZIONALE  PARTIGIANI  D’ITALIA

COMITATO PROVINCIALE DI ASCOLI PICENO – C.SO MAZZINI 39 tel. e fax 0736.257100www.ascolipiceno.anpi.it – facebook: anpiascoli

Vedi le piazze dove l’ANPI sarà presente (lista in continuo aggiornamento)

Sono oltre 100 e in continua crescita le piazze dove l’ANPI incontrerà domenica 18 novembre le cittadine e i cittadini per una grande giornata di rilancio dell’antifascismo in tutto il Paese e per dire un no secco e duro al neofascismo che da mesi ormai tenta di fare “il colpo” in varie realtà d’Italia con iniziative di becero e volgare revisionismo. L’Associazione – oltre a lanciare il tesseramento per l’anno 2013 e a realizzare abbonamenti per la nuova serie della sua rivista ufficiale Patria Indipendente – illustrerà nei suoi gazebo il lavoro messo in campo da luglio, quando è stata avviata, il giorno 25, con l’Istituto Alcide Cervi, una grande campagna di rilancio appunto dell’antifascismo attraverso la presentazione di un documento congiunto, e coglierà l’occasione per far firmare la petizione con cui si chiede al Presidente del Senato di ottenere finalmente verità e giustizia sulle stragi nazifasciste in Italia.

DOMENICA SAREMO IN PIAZZA PER RACCOGLIERE LE  ADESIONI ALL’ANPI e  alla petizione al Presidente del Senato per non interrompere i processi sulle stragi nazi-fasciste. CI TROVATE A:

Ascoli Piceno: in piazza Arringo (lato esterno Battistero) dalle ore 10,00 alle ore 12,00

Il monumento ai Partigiani a Colle San Marco

Acquasanta Terme: in pazza Terme dalle ore 10,00 alle 12,00

Comunanza: in piazza IV Novembre, dalle ore 10,00 alle 13,00

San Benedetto del Tronto: in viale Secondo Moretti

—————

Diventa Partigiano

Non c’è una data che stabilisca quando la resistenza iniziò. Come scrisse Piero Calamandrei,semplicemente, «Era giunta l’ora di resistere; era giunta l’ora di essere uomini: di morire da uomini per vivere da uomini». La lotta partigiana in Italia fucaratterizzata dall’impegno unitario di tutto il fronte delle opposizioni che il fascismo con la violenza e la persecuzione aveva tentato di stroncare con ogni mezzo. Cattolici, comunisti, liberali, socialisti, azionisti, monarchici, anarchici, trovarono intesa ideale e organizzativa sotto il comune obiettivo dellademocrazia e della libertà.

È in quella scelta che si trovano le radici dell’Italia repubblicana. È grazie a quella scelta, infatti, che venne a costituirsi il Comitato di Liberazionenazionale che dopo la cacciata dei nazisti e del fascisti fu la culla per il primo parlamento democratico e la fucina feconda della nostra Costituzione.

Iscriviti all‘ ANPI

Pubblicità