Archivio per ‘CHI SIAMO’ categoria

Le sezioni Anpi della nostra Provincia

30 ottobre 2012

Segnaliamo i recapiti delle Sezioni Anpi della Provincia picena:

Acquasanta Terme – anpi.acquasantaterme@gmail.com

Comunanza – anpi.comunanza@gmail.com

San Benedetto del Tronto – anpisanbenedettotronto@gmail.com

Colle San Marco: Monumento ai Partigiani

I nuovi dirigenti della Sezione di Ascoli Piceno

18 ottobre 2012

Il Comitato della Sezione dell’ANPI di Ascoli Piceno ha proceduto mercoledì 17 ottobre  all’elezione dei nuovi dirigenti dell’Associazione.

Presidenti ad honorem  della Sezione ascolana sono stati nominati la partigiana Egidia Coccia  e Giannino Oddi, noto e stimato antifascista.

IL PARTIGIANO IVO CASTELLI, PRESIDENTE DELLA SEZIONE DI ASCOLI PICENO

Presidente della Sezione è stato eletto il partigiano Ivo CASTELLI (classe 1925), il primo partigiano combattente della Lotta di Liberazione, distintosi il 12 settembre 1943, alle Casermette di Ascoli Piceno, nell’attacco alla colonna militare tedesca e conclusosi con la cattura di tutti i nazisti e la distruzione dei mezzi blindati.

Vice-presidenti sono stati eletti Adele Biondi e Rita Forlini.  Segretario amministrativo è  stato nominato Filippo Cagnetti. In segreteria entrano anche Giovanna Cicconi e, per la parte informatica, Pietro Cordoni.

Dal congresso della Sezione di Ascoli i nuovi dirigenti dell’ANPI cittadina

14 ottobre 2012

Si è svolto sabato 13 ottobre il Congresso straordinario della Sezione ANPI di Ascoli Piceno. All’assise ha portato il saluto dell’Amministrazione comunale il sindaco Guido Castelli, il quale ha  accolto la richiesta dell’assemblea di collocare sulla facciata del Comune, in piazza Arringo, una lapide commemorativa  con la motivazione del conferimento della Medaglia d’Oro al Valor Militare per Attività Partigiana alla Città di Ascoli. Il Sindaco si è anche dissociato dall’iniziativa del Preside Verna, dell’ITCG “Umberto I” in ordine alla collocazione, nell’aula magna dell’istituto, del ritratto del dittatore Benito Mussolini. Ha assicurato il suo interessamento per la soluzione della vicenda nei termini prospettati dall’ANPI.

Il Presidente onorario Giannino Oddi

Il dibattito è proseguito con i numerosi interventi dei presenti: particolarmente toccanti quelli dei Partigiani Ugo De Santis e Egidia Coccia.

E’ intervenuto anche l’assessore regionale PD Antonio Canzian e il segretario  della Camera del Lavoro Giancarlo Collina.

A fine dibattito, si è proceduto alla nomina dei nuovi organismi dirigenti. Sono risultati eletti per il Comitato direttivo: Ivo Castelli (partigiano), Filippo Cagnetti, Pietro Cordoni, Giovanna Cicconi, Marco Regnicoli, Rita Forlini, Marco Morganti, Pietro Perini, Antonio Sofia, Jole Cottilli, Narciso Galiè, Adele Biondi.

Il Comitato eleggerà, nella sua prima riunione, il Presidente, i Vice-presidenti ed il Responsabile amministrativo della Sezione.

Revisori dei conti sono stati nominati l’avv. Francesco Saladini, Luciano Carosi e Gabriele De Santis.

Delegati al comitato regionale: Ugo Cittadini, Fabio Rosa e Pietro Perini.

Presidente ad honorem è stato eletto, all’unanimità, il presidente uscente Giannino Oddi.

COME ISCRIVERSI

28 settembre 2012

Oltre ai partigiani e a chi ha combattuto contro i nazifascisti chiunque condivida i nostri valori può iscriversi all’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia.

Dall’articolo 23 dello Statuto:
Possono essere ammessi come soci con diritto al voto, qualora ne facciano domanda scritta:
a) coloro che hanno avuto il riconoscimento della qualifica di partigiano o patriota o di benemerito dalle competenti commissioni;
b) coloro che nelle formazioni delle Forze Armate hanno combattuto contro i tedeschi dopo l’armistizio;
c) coloro che, durante la Guerra di Liberazione siano stati incarcerati o deportati per attività politiche o per motivi razziali o perché militari internati e che non abbiano aderito alla Repubblica Sociale Italiana o a formazioni armate tedesche.

Possono altresì essere ammessi come soci con diritto al voto, qualora ne facciano domanda scritta, coloro che, condividendo il patrimonio ideale, i valori e le finalità dell’A.N.P.I., intendono contribuire, in qualità di antifascisti, sensi dell’art. 2, lettera b), del presente Statuto, con il proprio impegno concreto alla realizzazione e alla continuità nel tempo degli scopi associativi, con il fine di conservare, tutelare e diffondere la conoscenza delle vicende e dei valori che la Resistenza, con la lotta e con l’impegno civile e democratico, ha consegnato alle nuove generazioni, come elemento fondante della Repubblica, della Costituzione e della Unione Europea e come patrimonio essenziale della memoria del Paese.

L’iscrizione si può chiedere alla sede ANPI più vicina al luogo di residenza.