L’ultimo Partigiano della Banda San Marco

28 febbraio 2018 Lascia un commento »

di Pietro Perini

L’ultimo Partigiano ci ha lasciato. La Brigata Partigiana Colle San Marco adesso è al completo, quei ragazzi del 43 sono di nuovo tutti insieme. Mi piace pensarli in fila, uno dietro l’altro mentre percorrono i sentieri della loro montagna. Caro William porta un bacio a mio padre. Pensare che stia accadendo tutto questo è la nostra consolazione, la speranza che ci sarà permesso di riabbracciare i nostri cari. Ma, nonostante tutto, non è giusto che una persona come William ci lasci in questo modo!
La cruda realtà alla fine è una sola: Il nostro William non c’è più, non potremo vedere mai più quella folta candida capigliatura che lo distingueva e non lo sentiremo più urlare contro i fascisti con quel suo filo di voce.
image Ma William non era un uomo qualunque, William era un uomo speciale, tanto speciale da entrarti nella mente ed andare ad occupare quel posto dove ognuno di noi tiene gelosamente custoditi quei ricordi che lo seguiranno per tutta la vita. Questo è il motivo per cui possiamo dire con certezza che William continuerà a vivere dentro ognuno di noi. La vera tragedia della sua scomparsa è rappresentata dal fatto che se ne è andato un uomo onesto, un gentiluomo, un tenero padre, una affabile nonno, un dolce marito, un amico sincero e se ne è andato anche l’ultimo Partigiano. Uomini così non dovrebbero lasciarci mai, ci dovrebbe essere concesso di godere all’infinito dei loro insegnamenti. Invece eccoci qui, intorno alla sua bara; oggi piangiamo, è naturale farlo, non c’è niente di male, dopo si prova un senso di strana liberazione. Anche William si commuoveva facilmente e questo modo di essere derivava da un’altra sua caratteristica: William era un uomo di montagna!

La gente di montagna è gente buona, gente pronta a sacrificarsi per un amico, gente umile, gente di cui ti puoi fidare, gente onesta, gente che non molla. William era la prova vivente di tutto questo. È stata anche questa passionaccia per la montagna che nel 1943 lo spinse a salire a Colle San Marco: la grande voglia di dare il suo contributo per la nostra libertà e la nostra democrazia, con la certezza di poterlo fare in un ambiente amico. William l’ultimo Partigiano. Chi ha fatto la Resistenza continua a farla per tutta la vita. L’ho visto fare a mio padre e l’ho visto fare a William. Le sue battaglie insieme al CAI, le sue battaglie per l’ambiente, in giro per le scuole a raccontare la sua vita di Partigiano agli studenti e poi la sua bomboletta. imageUn giorno, qualche mese fa, mi prese da una parte e me lo disse: la sera vado in giro con una bomboletta e cancello le scritte dei fascisti. Il Partigiano continuava ad essere il Partigiano! Da quando lo avevamo eletto Presidente dell’Anpi mi diceva che dovevo essere la sua voce. Così io scrivevo i discorsi che avrei letto durante le cerimonie e lui voleva leggerli prima: sennò tu te ne passi! Mi diceva. Era il suo modo di coniugare il suo disprezzo per i nazifascisti che aveva combattuto con
il rispetto per le Istituzioni democratiche nate dalla Resistenza. William non c’è più. Per l’Anpi la sua scomparsa rappresenta la perdita del suo ultimo Partigiano, l’ultimo testimone, l’ultimo discendente di una stirpe di uomini che da tempo le mamme non partoriscono più. Ma la sua scomparsa è una grande perdita per tutta la nostra comunità, quando se ne vanno uomini come William è come se un grande solido muro costituito da saggezza, onestà, umiltà e dalle storie di grandi uomini, perdesse un mattone mettendo in evidenza tutta la nostra impotenza perché non esiste un altro mattone fatto dello stesso materiale che può rimpiazzarlo. Ma c’è una cosa che ognuno di noi può fare, cercare di costruire un altro muro altrettanto solido utilizzando gli insegnamenti di quegli uomini, ricordando le loro storie, facendo nostri i loro comportamenti. William non c’è più ma con la sua esistenza ci ha indicato un altro sentiero da percorrere: seguiamolo senza esitazione e lui continuerà a vivere per sempre al nostro fianco.

Pubblicità